Felsina® | Messaggio di Franco Colomba
6274
post-template-default,single,single-post,postid-6274,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_leftright,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Messaggio di Franco Colomba

Durante un periodo di emergenza come quello in cui ci troviamo, Franco Colomba tiene a mandare un messaggio ai giovani atleti del Felsina Calcio.

Salve ragazzi del Felsina, è un momento particolare e difficile quello che stiamo vivendo perciò desidero prima di tutto fare un affettuoso saluto a voi ed ai vostri familiari e poi una raccomandazione importante che certamente vi avranno già fatto ma che è utile ripetere.
Non smaniate per la voglia di uscire di casa, avrete tutta la vita davanti per farlo e non dovete rischiare di bruciarvela adesso sfidando le imposizioni di questo momento che sono l’unico modo per rallentare il contagio e far terminare questa emergenza.
Distraetevi in casa, con leggerezza, con il web, i social,sono mezzi fantastici per rimanere in contatto tra di voi e per qualsivoglia motivo.
Nel frattempo continuate a mantenere la mente allenata allo studio , approfittatene per migliorare in quelle materie che vi sono ostiche.
Prima o poi la scuola riprenderà e non dovete farvi sorprendere fuori forma.
Venendo al calcio , per mantenere un po’ di condizione fisica potete lavorare anche tra le mura domestiche , con un tapis roulant o una cyclette, mobilizzare il tronco , le braccia, le anche , fare addominali e dorsali , stretching da fermo e dinamico.
In questi mesi avete imparato tante cose con i vostri allenatori, si tratta solo di ripeterle anche se in spazi ridotti.
Lasciate perdere il pallone, non serve per la condizione ,vi sfogherete a “peste” finita quando potremo tornare a correre all’aria aperta.
Se non ve la sentite e non avete un luogo idoneo per fare ciò che ho scritto ,potete approfittarne per leggere, qualsiasi cosa , leggera o più impegnata e soprattutto approfittare del tempo libero per dialogare un po’ di più con i vostri genitori anche “chattando” se vi sentite più a vostro agio, ritrovate un po’ di intimità , di confidenza tra voi che sicuramente è ciò di cui sentono più la mancanza in un mondo che allontana ed a volte “brucia” le famiglie.
Non correte il rischio di dover dire un giorno:
“Quante cose potevo dirgli e non l’ho fatto” !!!
STATE A CASA ,PARLATE , PARLATE E PARLATE ANCORA !!!!
Sappiate che la Società Felsina , la “famiglia Felsina”,anche adesso in questa situazione di crisi profonda sta lavorando per poter essere pronta alla ripresa dell’attività ,per poter garantire l’organizzazione ed il ritmo che avevamo prima che tutto ciò accadesse.
Dedichiamo anche un pensiero ed una preghiera di ringraziamento a tutti coloro che stanno aiutando chi lotta per sopravvivere a questa tragedia che non ha precedenti nel mondo che noi conosciamo.
Sono certo che ci rivedremo presto, tutti più forti e maturi , consapevoli di quanto siamo fortunati di poter essere ancora sul campo a giocare e divertirci con il gioco più bello del mondo.
Forza ragazzi, forza famiglie, forza Italia .
Franco Colomba
Allego alcune immagini rappresentative di quella che è stata ed è un po’ tutta la mia storia, da quando ero ragazzo come voi nella
Nazionale militare a 20 anni assieme al mio “gemello” Eraldo Pecci , a quando sono diventato giocatore e capitano del Bologna a 25 .
C’e’ poi una immagine in cui è rappresentato quello che è stato il mio riferimento umano e calcistico , il mio grande capitano Giacomo Bulgarelli , e poi la scultura della panchina che rappresenta quando sono diventato allenatore a 35 .
Infine ci sono io a 65 con una barba da recluso per la quale mi vorrete scusare ma ho deciso di tagliarla solo quando terminerà questa emergenza e potremo uscire di nuovo.
Mi sembrerà di ringiovanire di colpo e tornare a nuova vita!!!

Franco Colomba